IL PARTY – IL NUOVO SORPRENDENTE ROMANZO DI ELISABETH DAY

Pubblicato il Pubblicato in Blog, What I read
Condividi:

Party è parola usata in tutto il mondo.

Tradotto in Italiano, come giustamente scrive Elisabeth Day all’inizio del suo ultimo romanzo, è un sostantivo che ha come primo significato quello di festa, serata, ricevimento: una riunione sociale con invitati, nel corso della quale si mangia, si beve e ci si diverte. Poi ci sono anche altri significati nella traduzione dall’Inglese come partito politico o parte, ma non sono importanti in questo caso al fine della storia del libro.

 

Elisabeth Day.

Il party è il titolo dell’ultimo romanzo di Elisabeth Day, pubblicato recentemente da Neri Pozza. L’autrice,  giovane donna inglese, nata nel 1978, è oggi famosa giornalista, scrittrice e romanziera con ben 4 romanzi al suo attivo. È anche una delle prestigiose firme di The Observer, il famoso periodico britannico della domenica.

La trama.

La storia si scopre a poco a poco in capitoli che si alternano con punti di vista differenti. Parla Martin che racconta la storia su due piani narrativi differenti, ma parla anche Lucy, la moglie, che narra con sincerità come la vicenda è stata vissuta da lei. Il tutto inizia nella stanza degli interrogatori in un commissariato nella campagna inglese alle porte di Londra, è il 2 maggio 1975. Una partenza in medias res, se vogliamo un po’ cinematografica, per un racconto che pagina dopo pagina, svela i segreti più inconfessabili e più tragici delle vite di quattro persone. L’ambiente è quello dell’alta borghesia e della nobiltà britannica. Il party è la storia di un’amicizia che, nella vita delle due parti in causa, assume un’importanza grandissima, indispensabile per uno, esagerata e forse anche un po’ tossica per il secondo.

Martin Gilmour.

Narratore primario e  uno dei protagonisti è Martin Gilmour, un riconosciuto critico d’arte londinese. Martin è un outsider, uno che guarda dall’esterno le vite degli altri. Per creare questa figura Elisabeth Day ha affermato di essersi ispirata al libro della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, poi divenuto film, Il talento di Mr Ripley e forse anche da Match Point di Woody Allen. Nato in una famiglia modesta, Martin, viene allevato da una madre single, rimasta vedova precocemente, che vive in uno stato di delusione continua e non riesce a mostrare mai quell’affetto che naturalmente una madre dovrebbe trasmettere proprio al figlio.

Si impara piuttosto rapidamente che nulla di quello che farai sarà mai sufficiente a colmare l’enorme bisogno di devozione filiale della sua genitrice. L’amore diventa odio, sentimento più forte che ha più bisogno di attenzione. Ti risucchia tutto dall’interno.

 Martin fin da piccolo pianifica il suo ingresso in mondi migliori, dove la gente è ricca e, ben consapevole di vivere in una nazione nettamente divisa in classi, ambisce con forza al  riscatto sociale. Guarda gli altri da lontano, ascolta, esamina e capisce che il solo modo per avere potere, è comprendere come funziona il gruppo, per controllarlo più facilmente senza creare sospetti.

Lucy.

Martin è sposato con Lucy, una donna semplice e anticonformista che l’autrice definisce sempre un po’ fuori luogo. Inizialmente è attratto dalla sua noncuranza estetica; il fatto che vesta abitualmente gonne ampie invece del sexy tubino nero, scarpe da uomo invece del tacco dodici e mantenga sopracciglia folte e incolte, lo attira. Ma col tempo i sentimenti cambiano. E Martin si rende conto che ciò che prima lo aveva attratto di lei, ora lo mette a disagio. È comunque una donna consapevole di essere, nel cuore del marito, sempre seconda al suo grande amico Ben.

Ben.

Ben è bello, simpatico e ricco e il più ammirato da tutti. Ben e Martin si sono conosciuti da adolescenti alla Bartonbury School, una scuola decorosa che non appartenente agli alti gradi dell’istruzione. Martin vi arriva grazie a una borsa di studio vestendo abiti non all’altezza della situazione ma decide di diventare  amico di Ben per condividere tutto con lui. Ma la loro amicizia non è un sentimento spontaneo e naturale. È Martin che la vuole a tutti i costi, la crea e la organizza  calcolando tutti i dettagli. L’ispirazione per le sue azioni e raggiungere il suo obiettivo arriva direttamente dal famoso libro L’arte della guerra di Sun Tzu; diventare amico di Ben diventa un’impegnativa operazione di tattica e di programmazione. Questa operazione  assume importanza fondamentale nella vita di Martin costringendolo a reinventarsi di volta in volta per essere sempre più vicino all’amico. Col tempo la loro intimità cresce e Martin raggiunge il suo obiettivo più alto e inaspettato: quello di essere accolto e accettato nella famiglia di Ben, i nobili Ftzmaurice. Tutto ha un costo e le cose non vanno come previsto: mentre Martin fa di tutto pur di stare vicino a Ben e diventa la sua piccola ombra,  Ben sente che il sentimento che li lega è sempre più tossico e insopportabile.

Dal mio ingresso a Cambridge la mia reinvenzione come fratello surrogato di Ben Fitzmaurice era per me così convincente che avevo quasi dimenticato di possedere un passato diverso, un passato che comprendeva fornelli a gas e salsicce in scatola e biglietti natalizi insanguinati lasciati cadere su un marciapiede ghiacciato.

 Il party.

Il party dove tutto accade è organizzato per i quarant’anni di Ben, nella Prioria di Tipworth, la  sua splendida casa di campagna del diciassettesimo secolo appena ristrutturata nel lusso e nell’eccesso. È un party organizzato dalla moglie Serena nei minimi particolari con ospiti dal mondo dello spettacolo, della cultura e della politica; una festa dove il cibo, il vino e i liquori non possono che essere di ottima qualità. Chi non appartiene a quel mondo, come Martin e Lucy, almeno per quella sera può avere l’illusione di farne parte. Ma l’accoglienza che Ben riserva all’amico è impacciata, fredda e sgradevole e Martin se ne accorge.

In tutto lo splendore del party Martin, Lucy, Ben e Serena escono allo scoperto e sono costretti a fare i conti con quello che in realtà sono o vogliono essere e soprattutto con i loro tragici segreti.

Recentemente Elisabeth Day ha presentato il suo libro in Italia, a Milano e in quell’occasione ha affermato che ha sempre provato un forte interesse per le persone che si sforzano di essere quello che non sono, per le maschere che indossiamo nella vita di tutti i giorni. Per non soccombere ha  consigliato l’autrice, tra le pagine de Il party, l’importante è conoscere molto bene le regole del mondo a cui apparteniamo e quelle del mondo a cui volgiamo appartenere.


Condividi: